Volete andare su Marte nel 2018? La NASA vi porta con la sua sonda!

La NASA, la più famosa delle Agenzie Spaziali del Mondo ha programmato il lancio di un lander su Marte, la missione di questo lancio è chiamata InSight, la cui partenza è prevista il 5 maggio 2018.

Sicuramente avrete tutti immaginato o sognato un giorno di viaggiare nello spazio e soprattutto atterrare in un pianeta affascinante. Ora la NASA vi permetterà di farlo per il prossimo anno, almeno virtualmente, entro il 1° Novembre infatti recandovi in questa pagina ufficiale potrete prenotare il vostro biglietto per partire con la sonda/lander marziano!

Siete pronti per partire? Vi basta inserire i vostri dati: nome, cognome, nazione, CAP e email, per poter ottenere la vostra carta d’imbarco personalizzata e riservarvi un posto in prima fila, dentro un chip di silicio, si perchè, la NASA ha pensato a questa simpatica iniziativa, caricare sul lander un chip che conterrà tutti i nomi e cognomi di chi si iscrive e quindi sbarcherà veramente sul pianeta rosso.

Questo non è uno scherzo, il vostro nome salvato all’interno del chip viaggierà per 6 lunghi mesi attraverso il Sistema Solare per poi arrivare a Novembre 2018 a destinazione, a 400 mioni di chilometri dalla terra, una strana senzazione eh?

La missione InSight e il volo della sonda erano inizialmente programmati per il 2016, tuttavia a causa di un problema tecnico al sismometro della sonda è stata rinviata di due anni (anche per sfruttare il miglior allineamento tra Terra e Marte). Già all’epoca furono aperte le iscrizioni per il viaggio, ma la NASA ha deciso di riaprirle affiancando al primo chip questo secondo con i nomi dei nuovi partecipanti.

Al momento il contatore della NASA parla di più di 1.000.000 di iscritti che arrivano da tutte le parti del mondo e che viaggerano insieme a noi. L‘Italia si piazza al 6° posto nella scala mondiale con 40.000 aspiranti astronauti.

Screenshot-2017-10-8 World Participation Map InSight

Screenshot-2017-10-8 World Participation Map InSight(1)

Per procedere anche voi con l’iscrizione (entro e non oltre il 1°Novembre) come già indicato andate in questa pagina, nella sezione “New Flyers” come sotto dovrete inserire: nome, cognome, paese di provenienza e l’indirizzo email (per i cittadini negli Stati Uniti d’America è obbligatorio anche il codice d’avviamento postale).

Screenshot-2017-10-8 Send Your Name to Mars InSight

Cliccando su “Send my Name on InSight” invierete tutti i dati alla Nasa e il portale vi permetterà di visualizzare, scaricare, stampare e condividere la vostra “carta d’imbarco” personalizzata. Ecco la mia:

index.png

Tramite un altro form/modulo potrete invitare i vostri amici a compilare l’iscrizione, una volta terminate le procedure è possibile visualizzare la sezione “Frequent Flyers”, nella quale troverete la Carta D’Imbarco salvata (inserendo Cognome e e-Mail) e i punti ottenuti anche con le altre prossime missioni, in milioni di chilometri, relativi alla distanza del sito di atterraggio delle sonde.

Il lander che atterrerà su Marte ovviamente non porterà con se solo il chip con il vostro nome, la missione InSight, acronimo di Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport, è una missione di esplorazione e permetterà di studiare il cuore del Pianeta rosso, in particolar modo monitorando l’attività sismica, conducendo analisi di geofisica e valutando anche gli effetti degli impatti meteorici. La sonda InSight sarà equipaggiata con un trapano che scaverà per ben 5 metri sotto la superficie, dove i sensori potranno carpire dati preziosi sulla storia evolutiva e geologica del pianeta. Confrontandoli con quelli terrestri sarà possibile farsi un’idea più precisa dell’origine dei pianeti rocciosi all’interno del Sistema solare e oltre.

Il programma è stato aperto nel 2014 per il test di volo della capsula Orion, e in futuro verrà costantemente aggiornato con le nuove missioni. La prossima prevista è il test del vettore Space Launch System, che servirà proprio in sinergia con Orion a portarci su Marte attorno al 2030, sempre che Elon Musk non riesca ad anticipare i tempi.

Autore: 

Fabio, classe 1993, Nerd fino al midollo, cresciuto tra videogame, computer, e apparecchi elettronici, sempre alla ricerca di novità in campo digitale. Ho una certa esperienza nel mondo della tecnologia, dell'informatica e delle telecomunicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *