La Regione Sardegna diventerà indipendente sul Web

La Sardegna come isola ma anche come Regione ha avuto sempre un rapporto particolare e speciale con il web ma anche con l’intera rete di Internet, sull’isola nel 1993 naquè il primo sito web Italiano (ospitato su server) a cura del neonato Centro di Ricerche CRS4 (www.crs4.it) di Pula. Nello stesso anno in Sardegna fu creato anche il primo quotidiano online italiano, l’Unione Sarda, negli anni successivi nacquerò radio online e si svilupparono progetti e piattaforme sul web dedicate agli studenti sardi che si affacciavano al nuovo millennio, se vogliamo la Sardegna è stata la prima Regione in Italia ad avere un approccio diretto con il web.

I siti web che sono ospitati o che riguardano la Sardegna però sono sempre stati “assoggetati” all’uso di un dominio nazionale, quello Italiano nato dal Centro Nazionale per le Ricerche nel 1987, il famoso .it che tutti noi conosciamo e che troviamo nella maggioranza dei siti italiani, ma anche in servizi online o nella posta elettronica, insieme a quelli internazionali come .com (usato per lo più dai siti commerciali) o .net (generale, usato solitamente di chi si occupa di reti e networking), ma ne esistono un infinità, e tralasciando i domini specifici per ogni nazione anche per certe aree geografiche.

Il CNR definisce i domini su Internet: “Identificano in modo inequivocabile i confini di un territorio fino esserne la firma riconosciuta su Internet”.

La Sardegna, facente parte della Repubblica Italiana, non ha mai ricevuto una personalizzazione o riconoscimento ufficiale sul Web, eppure i portali web regionali non mancano, per esempio anche quello su cui sto scrivendo io adesso. La Repubblica è una e indivisibile, questa regola vale nel mondo reale ma non nel web, la Regione Sardegna ha quindi deciso di dare un nuovo slancio alla Sardegna nel mondo del web, avviando tutte le procedure necessarie per acquistare il dominio .srd

Il primo a presentare la proposta di rendere ufficiale il dominio .srd alla Giunta Regionale, è stato l’Assessore agli Affari Generali Filippo Spanu:“Rappresenterebbe molto bene e promuoverebbe la Sardegna nel mondo, il dominio dedicato sarebbe anche un’ottima operazione di marketing per le imprese che esportano nei mercati esteri”.

Non solo un modo per poter dare una indipenza digitale alla Sardegna ma anche favorire e sviluppare l’immagine dell’isola all’estero, per l’export delle aziende e per i turisti che arrivano da tutte le parti del mondo. SardegnaIT società informatica ed in house della Regione Sardegna si occuperà di curare tutti gli aspetti tecnici e di verificare la fattibilità della proposta di acquisto per poi ufficializzarla.

Scritto da: 

Fabio, classe 1993, Nerd fino al midollo, cresciuto tra videogame, computer, e apparecchi elettronici, sempre alla ricerca di novità in campo digitale. Ho una certa esperienza nel mondo della tecnologia, dell'informatica e delle telecomunicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.