Guida: Come verificare la copertura ADSL o VDSL in Fibra Ottica

Oggi vi voglio illustrare come verificare al meglio la copertura della propria abitazione, ma anche azienda, per l’attivazione o il cambio della propria linea telefonica e della relativa connessione ad internet, sia con tecnologia ADSL (in fase di superamento) cd. rete in rame con doppino e sia con la nuova VDSL identificata con rete in fibra ottica parziale o totale.

E’ un argomento bello spinoso non sempre di facile lettura da parte di chi non è del settore o non ha dimestichezza con esso, non sempre si riesce a capire quali servizi internet sono disponibili nel proprio domicilio o all’indirizzo di interesse. Spesso sono gli stessi operatori di rete e di telefonia a fare confusione e a non dare le informazioni complete ai clienti o futuri clienti, specialmente sulle tecnologie utilizzate per fornire i servizi stessi.

Ecco perchè ho deciso di realizzare questa guida su come verificare correttamente la copertura dei servizi internet in Italia, cercando di rispondere a tutti i dubbi sull’argomento.

1 – Quali sono le tecnologie usate in Italia per la rete Internet?

Prima di tutto bisogna fare una panoramica su cosa e come possono offrire gli operatori in Italia per il servizio internet, conosciamo bene l’ADSL e la più recente VDSL in fibra ottica, e le tecnologie applicate nel nostro paese non sono tanto diverse dal resto dell’Europa o del mondo ma è il come a cambiare parecchio.

In Italia attualmente vengono offerte dagli operatori di rete le seguenti tecnologie e/o soluzioni per connettersi a internet, sia che si tratti di cittadini privati, che di aziende o di enti pubblici:

  • ISDN (Integrated Services Digital Network) è una rete di telecomunicazioni che consente di trasmettere servizi di voce (fonia) e trasferimento dati (internet) su un unico supporto. In Italia ha avuto la sua maggiore diffusione nell’utenza privata alla fine degli anni novanta in quanto consentiva di usufruire dei servizi telefonici aggiuntivi sopraesposti e di un traffico dati da Internet che era superiore a quello offerto dai tradizionali modem analogici dial-up a 56 kbit/s potendo infatti arrivare fino ai 128 kbit/s. Attualmente in via di dismissione, viene utilizzata per lo più nelle aziende in caso di doppio numero (telefono-fax), con modem adsl in linea separata.
  • ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line), è una tecnologia o rete nel campo delle telecomunicazioni, che consente l’accesso digitale a Internet ad alta velocità su un doppino telefonico o cavo di rame, evoluzione naturale della vecchia linea ISDN. La velocità dell’ADSL è indicata anche come Banda Larga (2 – 20 Megabits), questa velocità dipende unicamente dalla distanza dalla centrale telefonica e dai disturbi che può incontrare la linea durante il percorso fino all’abitazione, in Italia questo tipo di connessione via cavo si è diffusa nei primi anni 2000.
  • VDSL (Very high speed Digital Subscriber Line) è l’evoluzione dell’ADSL classica. La rete di telefonia viene potenziata e come mezzo di trasmissione tra la centrale e l’utente viene utilizzato un cavo in fibra ottica che arriva fino all’armadio ripartilinea (tecnologia FTTC – Fiber to the Cabinet), consente di arrivare a velocità elevate sia in Download che in Upload, fino a 300Mbps, la tratta con cavo in rame si riduce alla sola tratta armadio-abitazione (riducendo i disturbi sulla linea). Ciò consente di modulare il segnale direttamente dall’armadio su frequenze diverse rispetto a quelle utilizzate nell’ADSL, il cui segnale parte dalla centrale telefonica.
  • VDSL 2, evoluzione affaciatasi recentmente sul panorama italiano che consente di utilizzare un cavo in fibra ottica per l’intero percorso della linea, tecnologia detta anche FTTH (Fiber to the Home) o FTTB (Fiber to the Building) dalla centrale telefonica o POP/Punto di Connessione fino alla propria abitazione o azienda, consentendo un notevole balzo in avanti, sia intermini di velocità che di superamento di sistemi tradizionali che portano con se tanti problemi e disturbi. La velocità teorica raggiungibile può arrivare anche a 40 Gbps, attualmente gli operatori in Italia offrono abbonamenti da 1 Gbps.

 

Diagramma che compara la distanza con le velocità delle tecnologie ADSL, VDSL e VDSL2. Se la distanza dalla centrale telefonica (ADSL) o dall’armadio ripartilinea (VDSL) sarà maggiore, la velocità di navigazione sarà inferiore.

 

2 – La verifica di copertura con gli operatori di rete e di telefonia

Conoscere le tecnologie adottate dagli operatori è molto importante per verificare la copertura di un servizio, comunque, sia che dobbiate attivare una nuova linea o che dobbiate aggiornare la vostra linea fissa la seconda cosa da fare è sicuramente quella di controllare nel sito web ufficiale del vostro operatore di telefonia che avete scelto. I maggiori operatori in Italia sono: TIM – Telecom Italia, Vodafone, Fastweb, Tiscali, Wind – 3.

Qua l’elenco completo degli operatori sul sito AGCOM

Ognuno offre diversi servizi e diversi tipi di abbonamento, è difficile consigliare un operatore rispetto ad un altro, bisogna esaminare il singolo caso della linea o dell’indirizzo, soprattutto la zona.

Tutti gli operatori prima della sottoscrizione di un abbonamento mettono a disposizione, nel proprio sito web ufficiale, uno strumento per verificare la copertura di un determinato servizio, sia per ADSL (Banda Larga) 2-20 Mb e sia per VDSL (Banda Ultra Larga) 30 > Mb.

Ma analizziamo gli strumenti di copertura messi a disposizione dagli operatori, prendendo in esame quelli di TIM, per gli altri operatori la cosa sostanzialmente non cambia, si inserisce l’indirizzo da verificare e viene dato il risultato positivo o negativo, tutto uguale eccetto ovviamente per la disponibilità dei servizi che cambia a seconda della zona e del tipo di abbonamento.

La TIM – Telecom Italia è il maggior operatore di telefonia in Italia, pubblico ed ex-monopolista di stato fino agli anni 90, nonostante la privatizzazione la Telecom detiene ancora il primita sul numero di reti, linee e infrastrutture in tutta Italia, sia per l’erogazione di ADSL che VDSL , VDSL 2 e servizi mobile. In tutti i comuni italiani o quasi è presente una sua centrale telefonica, che rimane la chiave per ogni attivazione di linea telefonica, la sua influenza si ridurrà via via in futuro ma ne parleremo con Open Fiber.

Ogni centrale telefonica infatti ha la sua particolarità e difficilmente una sarà uguale all’altra, perchè i servizi attivabili devono essere disponibili negli apparati di centrale, altrimenti non sarà possibile procedere con l’attivazione o l’upgrade di un servizio.

Ma prima vediamo come verificare sul sito ufficiale di TIM:

All’indirizzo www.tim.it/verifica-copertura inserendo il nostro comune, indirizzo e numero civico, lo strumento messo a disposizione ci indicherà il servizio di telefonia fissa disponibile alla nostra abitazione e/o azienda.

In questo caso specifico ho preso in esame un indirizzo che è coperto dal servizio TIM, nel dettaglio il risultato sulla sinistra ci dice che la nostra abitazione è “raggiunta dalla fibra fino a 100 Mega”, se andiamo ancora più a destra ci viene indicata anche la tecnologia che l’operatore utilizzerà nel caso decidessimo di attivare la linea con lui, una tecnologia FTTC (Fiber to the Cabinet), come visto sopra si tratta di una soluzione non totalmente in fibra come potrebbe trarre in inganno ad una prima verifica, di fatti la FTTC prevede un cavo in fibra ottica solamente fino all’armadio ripartilinea e non direttamente fino all’abitazione, che rimane compito del cavo in rame o doppino telefonico classico.

In questo caso comunque ci viene restituita la tecnologia più avanzata disponibile, il che presuppone la disponibilità delle precedenti tecnologie come l’ADSL per esempio, per i casi più specifici vedremo più avanti.

Ecco tutti i siti dei principali operatori di telefonia in Italia:

TIM – Telecom Italia Tiscali Fastweb Vodafone Wind – 3

Come detto la procedura con gli altri operatori rimane abbastanza invariata, alcuni potranno dare più o meno informazioni, sia sulle tecnologie che verranno utilizzate nella vostra linea oppure i servizi aggiuntivi inclusi nell’abbonamento, al riguardo comunque è sempre bene consultare le condizioni generali prima della sottoscrizione di qualsiasi abbonamento: velocità di navigazione garantite, costi, tecnolgie utilizzate, vincoli, limiti di utilizzo, ecc.

3 – La verifica “fai da te” con strumenti dedicati sul web

Oltre ai tradizionali metodi di verifica messi a disposizione sul web ci sono tanti portali, database e anche app in cui è possibile fare una verifica più o meno approfondita in merito ad una linea internet, questi tool vengono messi a disposizione soprattutto per l’utilizzo da parte di tecnici di rete e persone specializzate nel settore, anche gli operatori hanno dei portali dedicati “nascosti” ai più.

Accedendo a questi strumenti è possibile avere accesso a dei veri e propri database in cui sono contenuti i dati di tutte le infrastrutture e network di rete in Italia, comprese le verifiche di compatibilità servizio su tutti (ma proprio tutti) i civici delle abitazioni, delle imprese, degli edifici e delle le strade, proprio come quelli tradizionali, inserendo un indirizzo fisico o un numero di telefono verrano date tutte le informazioni su quel specifico caso.

Una premessa è d’obbligo, come già detto in più occasioni il maggiore operatore di rete e di telefonia in Italia è la TIM – Telecom, la maggioranza delle reti, infrastrutture, centrali telefoniche, apparati telefonici, ponti radio, dorsali in fibra ottica e ripetitori appartengono alla società. Per cui la maggior parte degli strumenti che andremo ad analizzare hanno come base proprio i dati che derivano dalle infrastrutture Telecom.

  • Open Fiber – La ormai famosa società di telecomunicazioni di Enel che sta eseguendo lavori di copertura in fibra ottica FTTH (Fiber to the Home) in tutta Italia, sia da parte privata con piani interni alla società, sia da parte pubblica essendo la società vincitrice del Primo e del Secondo Bando Infratel per la copertura delle aree bianche a fallimento di mercato in 17 Regioni Italiane. Nel sito ufficiale Open Fiber potete trovare la mappa e tutte le informazioni sui lavori in esecuzione e le città già coperte dalla fibra ottica fino a casa, e informazioni sugli abbonamenti sottoscrivibili con i partner operatori.

 

  • Telecom Lido – E’ un vero e proprio strumento per l’analisi della copertura o come viene chiamato della vendibilità di un determinato servizio, dedicato esclusivamente a TIM – Telecom Italia, il database dei dati infatti è solamente quello fornito dalla società, viene utilizzato dagli stessi tecnici e anche Call Center che ci prongono gli abbonamenti al telefono. Specificatamente si potrà verificare la copertura internet di un numero di telefono (attivo e non) con tecnologia ADSL (Verifica Vendibilità XDSL) oppure VDSL (Verifica Vendibilità Rete Nuova Generazione FTTCab), andando anche nel dettaglio dei singoli “tagli” di abbonamento, e cioè, le varie velocità 20 Mega o 100 Mega. Inserendo il numero, scegliendo il tipo di servizio e verificando la vendibilità si otterrà un esito negativo o positivo. E pur vero che possono esserci errori, quindi meglio verificare comunque da più parti.

 

  • Telecom Italia Wholesale Il vero e proprio database TIM a cui si appoggiano la maggior parte degli operatori di rete in Italia, qua si possono trovare tutte o quasi le informazioni sulle infrastrutture TIM, pianificate, in corso di realizzazione o già attive. Andando nella sezione “Copertura Geografica” ci saranno tutti i database scaricabili (in formato Excel) principalmente su Centrali Telefoniche e Armadi Ripartilinea, con indicazioni per tutte le tecnologie, sia ADSL che VDSL.

 

  • FibraAppApp sviluppata su sistema operativo Android che consente di fare una ricerca semplice e veloce sul classico database TIM, inserendo un indirizzo vengono riportate tutte le informazioni su: centrali telefoniche, armadi ripartilinea, distanze, tecnologie utilizzate e servizi disponibili, sia ADSL che VDSL.

 

  • Vodafone GEA – Proprio come Telecom Lido anche l’operatore Vodafone ha un suo strumento online, questo basato solo in parte sul database TIM – Telecom Italia, perchè comunque tiene conto delle offerte e degli abbonamenti che sono sottoscrivibili e attivabili con Vodafone, inserendo un determinato indirizzo fisico o un numero di telefono già attivo. A differenza di Telecom Lido questo strumento ci consente anche di verificare la distanza  tra la nostra abitazione o impresa e l’armadio e/o la centrale telefonica, due dati molto importanti per considerare la velocità di navigazione in Internet, rispettivamente per l’ADSL e la VDSL.

 

  • Fibra Click – Tool web realizzato da un gruppo di ragazzi appassionati e che hanno dedicato un portale alla verifica immediata della copertura di un determinato comune in Italia per quanto riguarda la fibra ottica e la VDSL FTTC di TIM. Inserendo il comune ci verrà data la pianificazione dei lavori per la Banda Ultra Larga oppure la copertura già attiva, cliccando sul comune in caso positivo (pianificazione o attivato) si potranno consultare anche l’elenco di tutti gli armadi ripartilinea presenti nel territorio comunale.

 

  • KPNQWEST FiberMap – Strumento di verifica copertura realizzato dalla società KPNQWEST che in Italia si occupa lei stessa della realizzazione di reti di telecomunicazioni e infrastrutture di rete, infrastrutture che si appoggiano alla più grande rete TIM, di fatti il database rimane lo stesso, scegliendo la regione, comune via e numero civico ci verranno fornite le informazioni proprio come sul portable Vodafone GEA, con l’aggiunta delle velocità di navigazione stimate.

 

  • Planetel – Come per KPNQWEST anche Planetel è una società di telecomunicazioni che si occupa della realizzazione di infrastrutture di rete, scegliendo regione, comune e via ci verrano date tutte le informazioni sulle tecnologie (erogate da TIM) disponibili a quel determinato indirizzo, unite alle opzioni

 

Una volta reperite le informazioni da questi strumenti si potrà essere più sicuri quando si va ad effettuare la sottoscrizione di un abbonamento con un operatore, perchè si conoscono nel dettaglio le tecnologie utilizzate ed attivabili.

Per aiutarvi durante la ricerca delle informazioni vi consiglio di leggervi questi articoli pubblicati sul portale:

Scritto da: 

Fabio, classe 1993, Nerd fino al midollo, cresciuto tra videogame, computer, e apparecchi elettronici, sempre alla ricerca di novità in campo digitale. Ho una certa esperienza nel mondo della tecnologia, dell'informatica e delle telecomunicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.