La Regione Sardegna fa il punto sulla Banda Ultra Larga

“La Giunta va avanti nell’azione di sviluppo e potenziamento delle infrastrutture, facendo un altro passo verso l’azzeramento del digital divide e portando a imprese, famiglie e istituzioni servizi di connettività a banda ultra larga fondamentali per dare un impulso alla crescita dell’economia della Sardegna”.

Lo ha affermato il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, commentando gli interventi messi in campo nell’ultimo anno per favorire una diffusione sempre più ampia di connessioni ad alta velocità nei Comuni sardi.

In Regione Sardegna, l’Assessorato agli Affari Generali sta seguendo lo sviluppo e le fasi della Banda Ultra Larga in Sardegna lasciate in eredità dalla amministrazione precedente.

L’Assessore Valeria Satta ha commentato le recenti iniziative collegate alla BUL Sardegna, che vedono integrarsi con le reti di videosorveglianza installate a partire dal 2017 nei comuni della Sardegna.

“Queste azioni si affiancano all’importante iniziativa per la costruzione della rete unitaria per la sicurezza, attraverso il nodo centrale di monitoraggio di tutte le reti comunali di videosorveglianza, che questo Assessorato ha finanziato e promosso. La recente firma del protocollo tra la Regione e le Prefetture per la condivisione dei flussi video con le forze dell’ordine rappresenta infatti un importante risultato, raggiunto grazie al lavoro di questi mesi, che permetterà un presidio coordinato del territorio in maniera integrata tra tutti i livelli”.

In tutta l’Isola prosegue poi l’intervento diretto per lo sviluppo delle infrastrutture a banda ultra larga, finanziato dalla Regione nell’ambito dell’accordo di programma con il Ministero dello Sviluppo economico e Infratel.

In particolare, grazie al lavoro svolto dalla task force dedicata nell’ambito dell’iniziativa “Innovatori Sardegna”, sono attualmente 223 i Comuni sardi, rispetto ai 128 di giugno 2019, in cui sono state completate e collaudate le reti in fibra ottica necessarie per permettere agli operatori l’attivazione dei servizi a banda ultra larga, cioè con velocità superiore ai 30 megabit al secondo, in quelle aree dove il solo investimento privato sarebbe stato impensabile a causa della bassa densità di popolazione.

A questi dati, che si riferiscono alla sola infrastrutturazione passiva, si aggiunge quello delle attivazioni comunicato dall’operatore Tim che, sul totale dei 223 Comuni in cui sono già disponibili le reti in fibra ottica della Regione, vede 170 Comuni con servizi a banda ultra larga attivi, a cui si aggiungono anche due importanti frazioni, con un incremento di oltre 150 comuni attivati in meno di 12 mesi.

L’Assessore Valeria Satta commenta:

Questi interventi “confermano l’efficacia dei progetti avviati da questo Assessorato nell’ambito dell’iniziativa degli ‘Innovatori Sardegna’ e in particolare grazie all’attivazione di una task force dedicata, che ha permesso di superare gli ostacoli che non permettevano il regolare sviluppo degli interventi avviati negli anni scorsi. Sappiamo bene che un numero limitato di cittadini e imprese non può ancora beneficiare dei servizi sinora attivati a causa delle condizioni oggettive delle diverse aree comunali, dipendenti anche dallo stato delle infrastrutture preesistenti. La task force è quindi impegnata a monitorare attentamente queste situazioni e a lavorare per la loro pronta risoluzione con tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti. Inoltre siamo pronti a imprimere un’accelerazione anche al secondo intervento avviato dalla Regione con l’accordo di programma del 2017 con il Mise, attuato da Open Fiber, concessionario dei lavori.”

Fonte: Regione Sardegna (Notizie)

Scritto da: 

Fabio, classe 1993, Nerd fino al midollo, cresciuto tra videogame, computer, e apparecchi elettronici, sempre alla ricerca di novità in campo digitale. Ho una certa esperienza nel mondo della tecnologia, dell'informatica e delle telecomunicazioni.

4 commenti su “La Regione Sardegna fa il punto sulla Banda Ultra Larga”

  1. Anche a Genuri La fibra è stata già interrata da tre anni ma ancora non l’hanno accesa, qui siamo ancora in zona del Divario Digitale con una connessione lentissima: 640 k.b.p.s in download e 200 in Upload k.b.p.s. A sini in provinzia di Oristano che dista meno di due Km l’anno già attivata. Anche Genuri (SU) si pagano i servizi pubblici e di abbonamento paghiamo più di 50 Euro è questo non è giusto perché anche noi siamo italiano in attesa di una vostra sollecita risposta Vi saluto anticipatamente. Agostino Lisci. Genuri du agosto 2020.

  2. Anche a Sindia niente fibra eppure nei comuni a 8 km da noi è attiva nonostante la rete sia stata interrato anche prima dei comuni dove hanno già la fibra, misteri Italiano anzi sardi ancora più africani.

    1. Ciao Sergio,

      Attualmente Sindia risulta attivabile con Fibra mista a Rame, il comune e le infrastrutture nello stesso sono già state attivate da TIM nel mese scorso. Prova a verificare con il tuo gestore la copertura al tuo indirizzo.

      Iscriviti alla newsletter se non l’hai già fatto e metti mi piace sulla pagina Facebook 😉 Grazie!

      Saluti e buona navigazione!

  3. E a maracalagonis area metropolitana di cagliari ancora non arriva la fibra ftth meno male che doveva essere coperta tutta la città metropolitana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.