Il centro tecnologico CRS4 ha un nuovo presidente

Il CSR4 è un centro per le ricerche presente in Sardegna, privato e fondato dalla Regione Autonoma della Sardegna nel 1990 nell’attuale Parco tecnologico di Pula, la cosidetta Silicon Valley sarda , il cui socio unico è l’agenzia regionale Sardegna Ricerche.

Il centro si occupa di promuovere lo studio, sviluppo e applicazione di soluzioni ai problemi provenienti da ambienti naturali, sociali, e industriali. Molti di questi studi e progetti si basano soprattutto su Scienza, Tecnologia e Informatica. Una realtà molto interessante per l’isola, ma anche per l’Italia che negli ultimi anni sta avendo molto successo.

Questa mattina, presso Sardegna Ricerche è stato nominato il nuovo consiglio di amministrazione. Il nuovo presidente è Annalisa Bonfiglio, professoressa di bioingegneria elettronica e informatica e prorettrice delegata per il territorio e l’innovazione dell’Università di Cagliari, Mario Mariani e Elisabetta Mallus i consiglieri. Il nuovo consiglio di amministrazione rimarrà in carica per i prossimi tre anni.

Annalisa si dice: “onorata di ricevere questo incarico, perché il CRS4 rappresenta una realtà importante della ricerca italiana. La mia missione sarà quella di confermare e rinforzare la presenza del Centro in ambito internazionale, continuare a rafforzare la funzione di trasferimento tecnologico nel territorio sardo e i contatti con le aziende internazionali che stanno affluendo in Sardegna”. E ringrazia il predecessore Luigi Filippini per il lavoro svolto.

Raffaele Paci, assessore della Programmazione della Giunta Regionale era presente: “Il Crs4 è una realtà importante, strategica per la ricerca e ormai consolidata non solo in Sardegna ma anche nel territorio nazionale e internazionale, grazie alla lungimiranza dei governanti di 25 anni fa che l’hanno voluto e alla sensibilità di chi anno dopo anno ha lavorato duramente per costruire un ecosistema così strategico e importante. Voglio ringraziare davvero di cuore gli uscenti e in particolare Luigi Filippini, che in questi anni ha dato un forte impulso all’attrazione di investitori stranieri e dunque all’internazionalizzazione del Crs4, un esempio per tutti l’insediamento a Pula di Huawei, e che ha creduto fortemente nella realtà e nelle ulteriori potenzialità della Sardegna.”

Paci ricorda che la giunta punta tantissimo sulla ricerca e sullo sviluppo, la Regione dice è riuscita ad ottenere: “30 milioni con il Patto per la Sardegna, e sono stati programmati insieme ai 6,5 in dotazione quest’anno alla legge 7, dopo il confronto con la Consulta per la Ricerca, le Università, gli Enti pubblici, il partenariato economico e altri 128 milioni sono programmati per gli investimenti delle imprese in ricerca e innovazione

Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, è contenta che una professoressa a lei vicina è riuscita ad arrivare alla guida di una così importante realtà, per la ricerca, innovazione, tecnologia e informatica.

Ho voluto riportare questa notizia per anticipare che prossimamente farò un’approfondimento sul Centro di Ricerca della mia Regione, è una realtà che mi interessa particolarmente, specialmente per l’integrazione con il mondo informatico e digitale che è uno dei punti focali degli ultimi anni dell’istituto, davvero molto interessante.

Scritto da: 

Fabio, classe 1993, Nerd fino al midollo, cresciuto tra videogame, computer, e apparecchi elettronici, sempre alla ricerca di novità in campo digitale. Ho una certa esperienza nel mondo della tecnologia, dell'informatica e delle telecomunicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.